WHOOPS! 404
Contact Us

Contattateci per qualunque richiesta, risponderemo al più presto

WHOOPS! 404
Contact Us

Contattateci per qualunque richiesta, risponderemo al più presto

WHOOPS! 404
Contact Us

Contattateci per qualunque richiesta, risponderemo al più presto

SMartART: un nuovo modo di fruire il Museo tramite l’uso di “icone parlanti”

S

MartART è un’idea vincitrice, nella sezione Make Culture, della Competizione Europea 2013 @diversity che ha selezionato 12 idee originali e innovative per progetti culturali, che fanno uso di tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) per produrre e diffondere contenuti culturali. SMartART promuove la cultura, il coinvolgimento emotivo e l’apprendimento informale nei musei, utilizzando icone intelligenti per fornire informazioni aggiuntive relative alle opere d’arte senza l’utilizzo di alcun tipo di QR-Code e barcode. Con SMartART per la prima volta l’utilizzo di codici astratti risulta superato e le informazioni possono essere collegate a icone che sono una copia diretta dell’opera d’arte originale. Con queste icone gli utenti possono scoprire in modo chiaro e immediato a quale opera d’arte sono correlate le informazioni e recuperare o interagire facilmente con i contenuti informativi dell’opera.

Il sistema consente di scegliere in prima persona quali informazioni approfondire in base ai propri interessi e stili di visita, di conservare immagini delle opere d’arte preferite, di produrre una galleria storyboard personalizzata di queste immagini e uno storytelling della visita da condividere tramite i propri social network,  di sperimentare la cultura in modo interattivo e coinvolgente e di stimolare curiosità per un informal learning.

La versione prototipale Alpha 1.0 di SMartART è attualmente testata presso il Laboratorio Didattico del Museo Galileo di Firenze ed è stata presentata a  NEMO – The Network of European Museum Organisations e al Network LEM – The Learning Museum

C

on le icone si possono creare itinerari tematici per i visitatori e possono essere usate per finalità ludiche e didattiche con i diversi pubblici di riferimento, usando una tecnologia smart, semplice e di facile utilizzo. Le immagini acquisite sono salvate all’interno della app e possono essere reinterrogate anche dopo l’esperienza di visita.

Si può tenere traccia dell’interazione dei visitatori con le opere del museo, diversificare i contenuti relativi alle opere, conservare immagini delle opere d’arte preferite tramite una galleria storyboard e creare uno storytelling della visita da condividere tramite i propri social network.

È una tecnologia semplice e di facile utilizzo, utilizzabile in più contesti (musei, siti archeologici, gallerie, mostre tematiche, laboratori didattici) e con diversi pubblici (adulti, giovani, bambini e famiglie). Promuove il coinvolgimento dell’utente tramite l’uso di nuove icone esteticamente più eleganti e auto esplicative capaci di superare i limiti legati all’uso dei QR-Code in ambito museale e culturale, evidenziati da ricerche e appositi Questionari http://www.smart-art.it/qr-codes-museums/

Il Digital Watermarking viene usato in SMartART con un cambio di paradigma e il marchio inserito nell’immagine è utilizzato per il recupero di informazioni. Non per proteggere un’immagine, ma per renderla un canale di condivisione delle informazioni e per una diversificazione dei contenuti da restituire in base al contesto di riferimento.

Contact Us

Contattateci per qualunque richiesta, risponderemo al più presto